CONCORSO ARTISTICO PER BAMBINI "UN CUORE DI PIGOTTA" CLICCA QUI

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Cos'è e come si applica

​​​​​​​Il metodo Montessori si basa sul rispetto della spontaneità del bambino. 
È solamente nelle occasioni in cui viene lasciato libero di esprimersi che il piccolo si rivela. In questo modo impara ad autoregolarsi e, guidato da un educatore in grado di vegliare su di lui, ad autoeducarsi e ad esprimere le proprie potenzialità.
Il bambino viene quindi educato all'indipendenza, viene aiutato a compiere da solo le proprie conquiste ed a seguire i propri interessi.
L'adulto guida il bambino in maniera indiretta, preparando per lui un ambiente ordinato adatto a favorire lo sviluppo intellettuale.
Il bambino si abitua così ad eseguire determinate azioni (lavarsi le mani, apparecchiare la tavola, versare l'acqua, allacciarsi le scarpe...) in modo preciso: un ottimo esercizio per imparare a controllare i movimenti e per sviluppare l'armonia del corpo.

​​​​​​​​​​​​​​
"Aiutami a fare da me." Maria Montessori

L'organizzazione dello spazio rappresenta un aspetto di fondamentale importanza nella pedagogia montessoriana. L'ambiente predisposto per il bambino deve infatti essere adatto alla sua natura, proporzionato all'età e al corpo. Deve essere curato ed accogliente, stimolare la curiosità, catturare l'attenzione e deve inoltre consentire al bambino di sperimentare in autonomia.

Il bambino esplora lo spazio, lo conosce, si sente parte integrante e se ne prende cura.

Un ambiente ordinato, dove ogni cosa, ogni materiale ha il suo posto, è funzionale all'amore che il bambino ha per l'ordine, per la routine e per la coerenza. L'organizzazione per aree consente al bambino di dedicarsi ad un'attività specifica: la lettura, le attività ludiche, l'igiene personale, il pranzo e via dicendo.

​​​​​​​
"L'ambiente deve essere ricco di motivi di interesse che si prestano ad attività e invitano il bambino a condurre le proprie esperienze." Maria Montessori


Lo spazio montessoriano è polifunzionale, consente infatti al bambino di vivere momenti di relazione o di isolamento in base alle sue esigenze.

​​​​​​​
​​​​​​​
La zona filtro - un ingresso per l'accoglienza

"Questa mattina splende un bel sole. Oggi al nido mi accompagna la mamma. Ormai sono grande e quando arriviamo la saluto in fretta, mi metto le pantofole e raggiungo gli altri bambini. I primi giorni però avevo un pochino di timore e rimanevo con la mamma un po' più a lungo, la abbracciavo forte forte e la salutavo con calma. La zona dove noi bambini ci cambiamo è colorata e accogliente e spesso le educatrici espongono i nostri disegni per mostrarli ai genitori."

Lo spazio per il pranzo

"Come ogni giorno abbiamo fatto la conta per scoprire chi tra noi bambini avrà l'incarico di apparecchiare la tavola. Oggi tocca a me! Mi metto il grembiule e inizio a sistemare i tavoli. Come prima cosa però porto a tutti gli altri bambini il loro bavaglino. Poi prendo bicchieri, posate, piatti e caraffe. Quando ogni stoviglia è al suo posto iniziamo a mangiare. I più piccoli vengono aiutati dalle educatrici, mentre noi grandi ci serviamo e mangiamo da soli. Il momento del pranzo è uno dei miei preferiti perché stiamo tutti in compagnia e mangiamo pietanze buonissime!"

La sala per le attività ludiche e creative

"Giocare con i colori, con le forme, ma anche leggere un libro oppure imparare con il materiale Montessori è bellissimo. Oggi ho scelto di lavorare con i telai. Mi piacciono molto perché sono colorati e con allacciature differenti. All'inizio sono partito con quelle più semplici, ma con allenamento ed esercizio sono riuscito a cimentarmi anche con quelle più complesse."

La sala per le attività motorie

"Da qualche settimana ho imparato a gattonare. Mi piace muovermi per la stanza in libertà, esplorare ogni angolo, poter toccare le cose con le mani. Divento ogni giorno più veloce, oggi ho provato ad aggrapparmi ad una delle strutture rigide e a sollevarmi. Le mie gambe sono ancora un po' incerte. "

Il bagno - la zona fasciatoio

"La stanza del bagno è molto carina. Ci sono dei piccoli lavandini e dei piccoli water, così noi bambini possiamo lavarci le mani, i denti e fare pipì da soli. I bambini più piccoli vengono cambiati dalle educatrici su un bel fasciatoio."

​​​​​​​
La stanza per le nanne

"A noi bambini piace andare nella stanza per le nanne, abbracciare i nostri pupazzi e riposare. La stanza è tranquilla e accogliente. Ci sono i lettini per i bambini più piccoli e quelli per noi grandi che sono bassi così possiamo alzarci e sdraiarci da soli. L'educatrice rimane in stanza con noi per tutto la durata del riposo. Ci culla e canta la ninna nanna proprio come fa la mamma quando siamo a casa. "

Lo spazio verde

"Nelle belle giornate di sole usciamo in giardino per svolgere varie attività. Alcune volte giochiamo sullo scivolo o ci dondoliamo sulle altalene mentre altre volte scopriamo la natura. Oggi è il primo giorno di primavera, l'aria è frizzantina, il cielo è limpido, è la giornata giusta per piantare le erbe aromatiche. Con la carriola porto il vasetto di basilico fino all'orto. Scavo un bel buco con la paletta, abbastanza grande per farci stare comoda comoda la pianticella. Ricopro bene le radici con la terra e poi annaffio bene. Che meraviglia veder crescere e poter sentire il profumo del basilico, della menta, del rosmarino."
​​​​​​​


Il materiale montessoriano accompagna il bambino nel processo di acquisizione rendendolo protagonista attivo, rispettando i suoi tempi, i suoi gusti e le sue preferenze.
Conoscere, esplorare e sperimentare il mondo che ci circonda, è un processo che inizia già durante la prima infanzia. In questo periodo, infatti, la mente del bambino è sensibilmente ricettiva rispetto a determinati apprendimenti: l'affinamento dei sensi, l'ordine, la coordinazione dei movimenti e il linguaggio.

Tutti i materiali sono stati pensati per stimolare il bambino al "fare" in modo irresistibile: attraverso la manipolazione scopre la successione dei passaggi da eseguire sviluppando interesse. Il controllo dell'errore è insito nel materiale stesso in modo da permettere anche ai bambini più piccoli di procedere per tentativi e di auto-correggersi. 



"La cultura si deve lasciar prendere attraverso l'attività, con l'aiuto di materiali che permettano al bambino di acquistarla da solo, spinto dalla natura della sua mente che cerca, e diretto dalle leggi del suo sviluppo." Maria Montessori
​​​​​​​


​​​​​​​

​​​​​​​


Per informazioni generali scrivici a info@casabimbo.it o chiamaci al numero +39 0471953348